Rettifica testata motore: mola o utensile?

rettifica testata motore

Sappiamo benissimo che la tecnica di lavorazione delle rettifica testata motore può essere effettuata sia a mola che utensile.

Vediamo di analizzare i due procedimenti per capire meglio quali sono le particolarità che li differenziano.

PCD e CBN

L’utilizzo di utensili forniti di inserti sinterizzati, detti PCD e CBN, si è sempre più diffusa in questi ultimi anni, diventando così l’alternativa alla classica lavorazione a mola o settori abrasivi.

Gli inserti PCD e CBN si ottengono grazie alla sinterizzazione di particelle di Diamante Policristallino o Nitruro Cubico di Boro, su di una matrice metallica.

La proprietà fondamentale di PCD e CBN, è l’estrema resistenza all’usura che consente una durata fino a 30 volte superiore agli inserti tradizionali in Widia o Acciaio Super Rapido HSS.

La tecnica di lavorazione inoltre consente un’alta velocità di taglio e di avanzamento e permette una profonda asportazione di materiale, impossibile da ottenere con il sistema tradizionale a mola abrasiva.

rettifica testata motore a mola o utensile
Inserti in PCD e CBN da 1/4" e 3/8"

Mole e settori abrasivi

Mole e settori abrasivi invece sono solitamente realizzati per sinterizzazione di corindone o carburo di silicio che presentano proprietà di durezza e grana differente.

Un’altra caratteristica che rende differente la rettifica a mola o utensile è l’utilizzo del liquido di raffreddamento durante la fase di spianatura.

Infatti se l’utilizzo di abrasivo rende necessario l’uso di refrigerante durante l’asportazione di materiale, ciò non è necessario in caso di PCD o CBN che lavorano a secco.

Settori abrasivi di diversa grana e forma PER LA rettifica testata motore
Settori abrasivi di diversa grana e forma

La rettifica testata motore è meglio a mola o utensile?

La domanda pertanto se la rettifica testata motore sia meglio a mola o utensile è quantomai legittima anche se fuorviante.

Difatti non si possono confrontare 2 tecniche di lavorazione apparentemente simili ma così diverse nella sostanza.

Possiamo dire comunque che la lavorazione con utensile PCD o CBN è rivolta prevalentemente a chi spiana testate in modo continuativo ed intenso.

Infatti la velocità e profondità di passata permettono di accelerare i tempi di esecuzione.

Diffusa maggiormente in America, la spianatura ad utensile si sta diffondendo notevolmente anche in Europa.

La spianatrice Americana DCM Tech HB 3810 per rettifica testata motore con piatto fresa per PCD o CBN
La spianatrice Americana DCM Tech HB 3810 per rettifica testata motore con piatto fresa per PCD o CBN

Per coloro che invece fanno un uso più sporadico della loro spianatrice è preferibilmente consigliata la lavorazione con mola o settori abrasivi.

Infatti nonostante le tempistiche siano più lunghe, a causa della profondità di asportazione minore e la velocità di avanzamento più lenta, i costi degli abrasivi sono notevolmente inferiori rispetto a PCD e CBN.

Inoltre la ravvivatura che va fatta frequentemente su mole e settori, permette di prolungarne l’esistenza, fino a che non si esaurisce il materiale abrasivo.

La spianatrice Carmec SG330 è ideale per la rettifica testata motore e può essere fornita sia con settori abrasivi che con PCD o CBN
La spianatrice Carmec SG330 può essere fornita sia con settori abrasivi che con PCD o CBN

Conclusioni

Dire quindi quale sia meglio o peggio risulta molto complicato.
Ciò che va considerato è soprattutto l’utilizzo che l’operatore vuole fare della sua spianatrice per rettifica testate.

Commenta e condividi

Facci sapere la tua opinione, scrivendo nell’apposito spazio sottostante per i commenti o contattaci attraverso l’apposito pulsante.

Ti invitiamo inoltre a condividere l’articolo sui vari Social Network usano i bottoni sottostanti di social sharing.

Recommended Posts